Il Tempo si è fermato

Quando una persona a cui vuoi bene scompare, provi un dolore come non lo hai mai provato prima, ti senti disperato e vorresti che il mondo si fermasse un attimo per aiutarti a metabolizzare la perdita, ma purtroppo questo non succede mai.  Devi continuare a vivere, andare avanti, lavorare e in periodi come questo festeggiare pure il Natale, anche se l’ultima cosa che vorresti.

Il mondo in fondo non ti aspetta, se ti fermi resti indietro e in ogni caso, stare in casa a piangerti addosso non servirebbe a riportarti quella persona, quindi avanti the show must go on.

L’unica cosa che posso e mi sono sentita di fare è stato fermare almeno il Blog. Avevo bisogno di silenzio, di raccogliere le idee, di curare la ferita e il lutto è un tipo di dolore che non puoi curare mangiando (e neanche leggendo se è per questo).

Quindi, il mio mondo personale, fatto di piccole cose, di piccole gioie quotidiane si è fermato e ora riprende, ma a rilento e con fatica.  Si è creata una spaccatura dentro di me e non sono più la stessa persona che ero fino al 15 dicembre scorso.

Tutto questo per spiegare sia la prolungata assenza (e la mancanza quindi di tutte quelle ricettine in tema natalizio che avevo in programma e che poi non mi sono sentita di fare), sia le letture cosiddette di Natale, che recensirò e con cui ho cercato di stordirmi in questi giorni neri.

Speravo di ritrovare lo spirito Natalizio, ma forse ho sbagliato a cercarlo nei libri, dovevo cercarlo nel calore delle persone che mi vogliono bene.

Vi lascio con una poesia di Alda Merini e con un video per me significativo, che spero di riuscire a caricare.

Da domani riprenderò la mia solita routine, torneranno ricette e libri, ma per oggi consentitemi di fermarmi ancora un attimo.

Ho bisogno di silenzio
come te che leggi col pensiero
non ad alta voce
il suono della mia stessa voce
adesso sarebbe rumore
non parole ma solo rumore fastidioso
che mi distrae dal pensare.

Ho bisogno di silenzio
esco e per strada le solite persone
che conoscono la mia parlantina

disorientate dal mio rapido buongiorno
chissà, forse pensano che ho fretta.

Invece ho solo bisogno di silenzio
tanto ho parlato, troppo
è arrivato il tempo di tacere
di raccogliere i pensieri
allegri, tristi, dolci, amari,
ce ne sono tanti dentro ognuno di noi.

Gli amici veri, pochi, uno?
sanno ascoltare anche il silenzio,
sanno aspettare, capire.

Chi di parole da me ne ha avute tante
e non ne vuole più,
ha bisogno, come me, di silenzio.

Annunci

7 commenti su “Il Tempo si è fermato

  1. Non ci conosciamo ma mi sento di darti un abbraccio.
    Ce la farai e andra’ meglio, anche se il pensiero stesso che possa andare meglio senza quella persona di fa stare peggio…Dai, forza, aspettiamo le tue recensioni 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...